Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

NORME DI CARATTERE GENERALE IN CASO DI EMERGENZA/EVACUAZIONE

Lo stato di emergenza si attua quando in un edificio scolastico si verificano pericoli gravi dovuti a:

 Catastrofi naturali (eventi atmosferici eccezionali, terremoti, ecc.

 Cedimenti o crolli

 Fughe di gas

 Atti di terrorismo

 

Lo stato di emergenza è caratterizzato da una o piè fasi a seconda della gravità e più precisamente si possono avere

tre diverse situazioni:

  • A fase di preallarme
  • B fase di allarme/evacuazione generale
  • C fase di cessate allarme.

A - FASE DI PREALLARME

Il preallarme sarà diffuso mediante tre brevi suoni della campanella intervallati tra loro di circa 5 secondi o da

La fase di preallarme prevede:

 la necessità di interrompere immediatamente ogni attività, di mettersi in piedi, di poggiare sul proprio banco

il proprio zaino senza perdere tempo nel recupero degli oggetti personali (libri, quaderni, penne, ecc.) e di

infilare sotto il banco la propria sedia;

 la necessità di tenere gli alunni in stato di allerta vale a dire in piedi, ciascuno accanto al proprio banco in

attesa dell’eventuale ordine di evacuazione;

 la necessità che i docenti di sostegno si attivino per prelevare dalle varie classi, gli alunni loro affidati e

raggiungere in modo prioritario l’uscita di emergenza più vicina. Qualora dovesse mancare il docente di

sostegno, gli alunni disabili rimarranno affidati al docente di classe che si avvarrà dell’aiuto di un

collaboratore scolastico del piano.

B - FASE DI ALLARME / EVACUAZIONE GENERALE

L’allarme sarà caratterizzato da un suono intermittente della campanella per un tempo di circa 15 – 20 secondi,

udibili in tutti i luoghi dell’edificio scolastico.

La fase di allarme prevede il rispetto della procedura di seguito riportata:

I DOCENTI impartiranno l’ordine di abbandonare l’aula o il laboratorio o la palestra e guideranno a passo

svelto gli alunni verso la “zona di raccolta” seguendo le indicazioni delle vie di esodo. Giunti nella zona di

raccolta faranno sistemare gli alunni in ordine ed effettueranno il controllo degli stessi comunicandone i

risultati al Coordinatore dell’evacuazione; quindi aspetteranno il cessate allarme o altre indicazioni prodotte

dal Coordinatore. Il docente coordinatore di classe è tenuto ad inizio anno scolastico a designare numero due

alunni con il compito di aprifila e serrafila i cui nominativi devono essere riportati sull’apposito modulo di

evacuazione allegato al registro di classe.

Gli ALUNNI interromperanno immediatamente ogni attività evitando di perdere tempo nel recupero degli

oggetti personali e quindi seguiranno attentamente le istruzioni impartite loro dai docenti e dai responsabili

di piano. L’aprifila con il docente uscirà dall’aula seguito dai compagni di classe e si dirigerà verso l’uscita di

emergenza, secondo quanto previsto dalla piantina del piano di evacuazione esposta nelle immediate

vicinanze delle porte dei vari ambienti e, comunque, secondo le indicazioni proposte dalla cartellonistica

affissa lungo i corridoi. Il serrafila dopo essersi accertato che nessuno sia rimasto all’interno dell’aula,

provvede alla chiusura della porta e si unisce al gruppo verificando che nessun compagno esca dalla fila o

resti indietro per qualsiasi motivo. Tutti manterranno la fila camminando a passo spedito. Una volta giunti

alla ZONA DI RACCOLTA, parteciperanno al controllo delle presenze e rimarranno in attesa del cessato

allarme o di ulteriori disposizioni.

 Per l’evacuazione dei DISABILI, se affidati al docente di sostegno sarà questi che provvederà al

raggiungimento dell’uscita di emergenza più vicina, adeguandosi al flusso di uscita ed evitando sempre che

questo possa essere rallentato (anche evitando la fila e ponendosi ai margini di essa) dal proprio andamento.

Qualora non sia presente il docente di sostegno, il docente della classe avvertirà il collaboratore scolastico del

piano che lo coadiuverà nelle operazioni di evacuazione.

I COLLABORATORI SCOLASTICI DEL PIANO TERRA/RIALZATO apriranno le porte di uscita verso le “zone di

raccolta” e si collocheranno ai lati delle porte per disciplinare il flusso. Seguiranno l’ultimo alunno dopo aver

controllato che altri non siano nelle aule e nei locali a loro affidati (laboratori, palestre, ecc.). Uno di loro,

appositamente istruito, andrà a disattivare la centrale termica (chiudendo l’erogazione del gas metano) e ad

interrompere l’energia elettrica e si recherà al cancello di ingresso per facilitare la movimentazione delle

persone e dei mezzi di soccorso.

I COLLABORATORI SCOLASTICI DEI VARI PIANI apriranno le porte di emergenza del loro piano e si

collocheranno ai lati delle porte per disciplinare il flusso degli alunni. Seguiranno l’ultimo alunno dopo aver

controllato che altri non siano nelle aule e nei locali a loro affidati (laboratori, biblioteca, aula magna, ecc.)

N. B. L’evacuazione avverrà dando la precedenza nelle uscite dalle porte di emergenza agli alunni del piano

terra/rialzato e, successivamente, nell’ordine progressivo dei piani (1° piano, 2° piano).

C – FASE DI CESSATO ALLARME

Il cessato allarme è caratterizzato da un ulteriore suono intermittente della campanella, come quello effettuato

La fase di cessato allarme prevede la ripresa delle attività interrotte precedentemente.

 

PERCORSI DI EVACUAZIONE

Tutti i percorsi di evacuazione sono stati riportati su apposite planimetrie affisse in tutti gli ambienti e nei corridoi,

evidenziando in particolare le vie di esodo, le uscite di emergenza e le zone di raccolta da raggiungere.

CONTROLLO PRESENZE

Il controllo della popolazione scolastica sarà effettuato dai docenti mediante appello nominativo con l’ausilio del

registro di classe che ogni docente avrà preso prima di uscire dall’aula; egli avrà cura di compilare l’apposito

modulo di evacuazione allegato e spillato in ultima pagina del registro. L’esito dell’appello sarà comunicato al

Coordinatore dell’evacuazione. Qualora un alunno dovesse trovarsi fuori dall’aula al momento dell’ordine di

evacuazione e dovesse rendersi conto che non ha il tempo necessario per rientrare nel suo gruppo, si aggregherà

alla classe più vicina, seguendo la sua via di esodo e le medesime indicazioni comportamentali. Quando giungerà

alla zona di raccolta, si unirà al proprio gruppo classe e farà notare al docente il suo rientro.

UTILI CONSIGLI IN CASO DI CALAMITA’

 In caso di terremoto durante la prima scossa è consigliabile non abbandonare subito l’ambiente in cui ci

si trova, ma è preferibile far posizionare gli alunni sotto i banchi o lungo i muri portanti o sotto gli

architravi delle porte, in attesa di ricevere l’ordine di evacuazione.

 Nel caso si incendio all’interno del locale in cui ci si trova, è opportuno far abbandonare subito il posto

chiudendo la porta e dando l’allarme.

 Nel caso di presenza di fumo (ricordarsi che il fumo tende a concentrarsi verso l’alto), è opportuno non

respirarlo e per questo si consiglia di proteggere le vie respiratorie (naso e bocca) con un panno e

camminare piegati o gattonare.

 

Il Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione

Per. Luigi Sibilio

La Dirigente Scolastica

Prof.ssa Teresa Turi

ALLEGATI a.s. 2018-19:

Circolare n° 134: Corso di Aggiornamento Sicurezza

Circolare n. 133: Prova di esodo. A.S.2018/2019

Circolare n°112 Incontro formativo sulla sicurezza stradale

Circolare n° 89: Installazione dosimetri nelle aule e laboratori per rilevazione gas radon

Circolare n° 73: Procedura per segnalare possibili rischi afferenti la sicurezza dell’edificio scolastico

Circolare n°64: Formazione sicurezza Formazione sicurezza 

Circolare n° 45: Parcheggi non consentiti di ciclomotori e autoveicoli

Circolare n° 44: NORME DI CARATTERE GENERALE IN CASO DI EMERGENZA/EVACUAZIONE

Circolare n° 43: Comunicazioni di servizio ed adempimenti in materia di sicurezza. A.S. 2018/2019 - docenti

Circolare n° 42: Comunicazioni di servizio ed adempimenti in materia di sicurezza - ATA

Circolare n° 38: Informazioni e istruzioni per l'attivazione di comportamenti adeguati e coerenti rispetto alla cultura della sicurezza della scuola

Circolare n° 33: Composizione commissione sicurezza

Circolare n° 32: Assegnazione incarichi Piano di Emergenza ed Evacuazione edificio scolastico a.s 2018/19

Circolare n° 31: DIVIETO DI FUMO

ALLEGATI a.s. precedenti:

Circolare n. 28 - Informazioni e istruzioni per l'attivazione di comportamenti adeguati e coerenti rispetto alla cultura della sicurezza della scuola 

Circolare n.30 - DIVIETO DI FUMO

Circolare n.33 - PARCHEGGI NON CONSENTITIPARCHEGGI NON CONSENTITI

Circolare n.47 - Convocazione personale ATA interessato al Piano di Emergenza ed Evacuazione edificio scolastico a.s. 2017/18. 

Circolare n.52 - INCARICHI DI PIANO

Circolare n.53 - COMMISSIONE SICUREZZA

Circolare n.54 - NORME DI CARATTERE GENERALE IN CASO DI EMERGENZA /EVACUAZIONE

Circolare n.55 - COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Circolare n.56 - Programma degli incontri con le classi prime per la illustrazione del Piano di emergenza e simulazione della prova di evacuazione

Circolare n.74 - Corso di Aggiornamento SicurezzaCorso di Aggiornamento Sicurezza

Circolare n.86 - Variazione data e ora del Corso di Aggiornamento sulla Sicurezza

Circolare n.102 - Variazione data e ora del Corso di Aggiornamento sulla SicurezzaVariazione data e ora del Corso di Aggiornamento sulla Sicurezza

Circolare n.148 - Prova di esodo. A.S.2017/2018Prova di esodo. A.S.2017/2018

Circolare n. 158 - Variazione orario della prova di esodoVariazione orario della prova di esodo

Circolare n. 159 - Convegno sulla sicurezza stradaleCircolare n. 159 - Convegno sulla sicurezza stradale

Circolare n. 229 - Designazione Addetti all’uso del defibrillatore (DAE)Circolare n. 229 - Designazione Addetti all’uso del defibrillatore (DAE)

Circolare n.649 - Partecipazione al Campionato Regionale di Educazione alla Sicurezza Stradale ”La strada non è una giungla”. Comunicazione data svolgimento del campionato

Circolare n.768 - Procedura per segnalare possibili rischi afferenti la sicurezza dell’edificio scolastico

ALLEGATI

 Allegato I: SEGNALAZIONE  INTERVENTI AI FINI DELLA SICUREZZA E SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO: Aule

Allegato II: SEGNALAZIONE  INTERVENTI AI FINI DELLA SICUREZZA E SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO: Laboratori

Allegato III: SEGNALAZIONE  INTERVENTI AI FINI DELLA SICUREZZA E SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO: Zone