Stampa
Categoria: Giochi della chimica e Olimpiadi Internazionali
Visite: 144

Giovanni Pellegrino, studente del quinto anno dell’ITT “Luigi dell’Erba”, parteciperà alle prossime Olimpiadi Internazionali di Chimica (IChO), una delle sei olimpiadi scientifiche internazionali, che si svolgeranno dal 21 al 30 luglio a Parigi (Francia). Questa è la seconda partecipazione alle IChO per Giovanni, lo scorso anno ha partecipato a quelle svolte a Praga e Bratislava.

Le IChO sono una competizione riservata agli studenti delle scuole superiori che hanno lo scopo di promuovere contatti internazionali tra gli operatori della chimica, incentivare le attività degli studenti interessati alla disciplina e creare rapporti di amicizia fra giovani di Paesi diversi incoraggiando la cooperazione internazionale. La manifestazione internazionale, giunta alla 51a edizione (si svolge negli stessi luoghi dove si è svolta la prima edizione), mette in gara ogni anno circa 300 studenti provenienti dalle scuole secondarie di 76 nazioni, animati da una passione comune: la Chimica.

Giovanni il 30 maggio scorso ha conquistato la medaglia d’oro, essendosi classificato al primo posto, alla finale nazionale dei Giochi della Chimica 2019. Insieme ad un altro studente del terzo anno dell’ITT “Luigi dell’Erba” Damiano Castrignanò, che si è classificato al quarto posto ricevendo la menzione speciale, sono stati selezionati per partecipare dal 30 giugno al 6 luglio. I Giochi della Chimica hanno visto la partecipazione di 727 Istituti distribuiti su tutto il territorio nazionale con i loro 8615 studenti opportunamente selezionati.

 

Qualche giorno fa la Commissione della SCI (Società Chimica Italiana), presieduta dal prof. Giorgio Cevasco, ha comunicato i nomi dei quattro studenti che rappresenteranno l’Italia alle Olimpiadi di Chimica, fra loro Giovanni Pellegrino.

Giovanni seguirà un altro corso di preparazione intensiva in Chimica, dal 14 al 21 luglio, sempre presso il Collegio Universitario Ghislieri di Pavia, ed inoltre in questo anno scolastico, ha sostenuto gli Esami di Stato diplomandosi con il massimo dei voti: 100 e lode.

La Dirigente Scolastica prof.ssa Teresa Turi, con soddisfazione, ha ricordato: "Questa è la undicesima volta in cui uno studente dell'Istituto castellanese partecipa alle Olimpiadi Internazionali di Chimica, vincendo nelle edizioni precedenti una medaglia di argento in Russia (nel 2007 con Vincenzo Grande), cinque medaglie di bronzo, una in Ungheria (nel 2008 con Vincenzo Spalluto), una in Turchia e una negli Stati Uniti d'America (entrambe con Ivan Palazzo nel 2011 e 2012), una in Azerbaigian (nel 2015 con Roberto Tinelli) e una nella Repubblica Ceca (nel 2018 con Giovanni Pellegrino) ed infine una menzione d'onore in Tailandia (nel 2017 con Giuseppe Lasaracina). Il merito è sicuramente da attribuire all’impegno di tutto il personale, docente e non docente, merito dei docenti e di tutto il personale dell’Istituto, e a due corsi, inseriti nel PTOF, uno finanzia dal Fondo d’Istituto e uno finanziato dal Fondo Europeo (progetto PON/FSE 10.1.6A-FSEPON-PU-2018-116 dal titolo “BUSSOL@AMICA” Modulo D “Laboratori di approfondimento per la preparazione alle gare e olimpiadi di Chimica. Classi quarte”) tenuti dai docenti di chimica, proff. Andrea Fanelli e Angelo Lovece."

VIVICASTELLANAGROTTE

FAX (13 lUGLIO 2019)